Italian English French German Portuguese Spanish

Troiani nel Mondo Arrestato il titolare di una fabbrica incendiatasi in Lombardia nel 2010
Back to Top

Arrestato il titolare di una fabbrica incendiatasi in Lombardia nel 2010

(8 voti, media 5.00 di 5)
Valutazione attuale: / 8
ScarsoOttimo 
Troiani nel Mondo - Troiani nel Mondo
Share Link: Share Link: Google Facebook Myspace Ask Yahoo Bookmarks

In carcere il proprietario dell’Eureco srl, Giovanni Merlino, di origini troiane

Un anno fa, nel novembre 2010, per un incendio morirono quattro operai in uno stabilimento di Paderno Dugnano (MI). Il titolare è, ora, accusato di omicidio colposo e di altri reati.

Gravissime le inadempienze contestate in materia di sicurezza del lavoro: illecito smaltimento di rifiuti pericolosi e sfruttamento delle maestranze. Il 5 novembre 2010, a seguito di un’esplosione e conseguente incendio, nello stabilimento lombardo rimasero feriti sette lavoranti, quattro dei quali morirono in seguito, dopo grandi sofferenze. Sembra che per questa tragedia, Giovanni Merlino, 60 anni, ritenuto il principale responsabile, ha sempre respinto sue inadempienze. Le indagini degli agenti del Noe hanno accertato, anche, una serie di tentativi per occultare il suo patrimonio.

Il titolare della Eureco srl era, ormai, convinto di aver giustificato tutto. L'inchiesta, tuttavia, ha evidenziato sue responsabilità per omicidio colposo e smaltimento illecito di rifiuti. La procura di Milano gli ha contestato 21 capi di imputazione e ha spiccato il mandato di cattura per il rischio di reiterazione del reato, in quanto il Livorno risulta titolare di altre società. Sei anni fa nello stesso stabilimento di Paderno Dugnano si era già verificato un altro incidente mortale.
Il gip Vanore ha, pure, contestato lesioni colpose subite dagli altri operai coinvolti nell’incendio. Gli agenti del NOE hanno accertato che, dopo il regolare ritiro dalle aziende di rifiuti speciali e pericolosi, nello stabilimento dell’Eureco i contenitori venivano dissigillati ed il contenuto mischiato ad altri rifiuti comuni, e, infine, conferito alle discariche a bassissimo costo, con enorme e illecito lucro.


 

Aggiungi commento

Sponsor

 

 

 

Valid CSS! [Valid RSS]

Licenza Creative Commons
Questo opera è distribuito con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.