Italian English French German Portuguese Spanish

Troiani nel Mondo LEONARDO DA VINCI incontra…..La N.A.S.A.
Back to Top

LEONARDO DA VINCI incontra…..La N.A.S.A.

(0 voti, media 0 di 5)
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Troiani nel Mondo - Troiani nel Mondo
Share Link: Share Link: Google Facebook Myspace Ask Yahoo Bookmarks

Lunedi 2 maggio 2011 nel Salone degli Svizzeri all’interno del Palazzo Reale di Torino, lo scienziato Charles Elachi direttore del Jet Propulsion Laboratory di Pasadena in California –USA, ha incontrato giornalisti e studenti in occasione di un Convegno organizzato dalla Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici del Piemonte in collaborazione con Leonardo, prestigiosa rubrica di scienza in onda su RAI 3.

Durante il convegno il Prof. Elachi ha illustrato il concetto di volo oltre la frontiera estrema dello spazio, concludendo la sua relazione con un importante annuncio fatto alla stampa sulla prossima missione americana sul pianeta Marte.

In qualità di massimo responsabile del più grande istituto di ricerca spaziale al mondo ha consultato il “Codice di Volo” di Leonardo da Vinci conservato nella Biblioteca Reale di Torino, dichiarandosi emozionato di entrare in contatto con il mondo di Leonardo, un onore che ogni scienziato sogna.

Leonardo studiò il fenomeno del volo degli uccelli oltre 5 secoli fa, le sue riflessioni e i disegni delle prime macchine volanti sono contenute nelle 18 pagine di questo codice.

L’idea di creare un ponte tra la NASA e Leonardo, ha spiegato Silvia Rosa Brusin Vice Capo Redattore del tg scientifico di RAI 3, che non a caso si intitola Leonardo, è quella di porre a confronto questi due mondi distanti migliaia di kilometri tra loro, eppure accomunati dalla stessa passione del sapere e della ricerca.

Charles Elachi dirige dal 2001 il Jpl ed è vice presidente del Calteh, il California Institute of Tecnology.

Nel mondo scientifico è considerato uno dei maggiori esperti al mondo nel rilevamento a distanza tramite radar, con esperienza fin dal 1970 partendo dalla missione Magellano. Per svelare il pianeta Venere, attraverso la sua impenetrabile atmosfera, un suo prototipo di radar fu inviato in orbita nel 1981 lanciato con lo shuttle Columbia e mappò la Terra scoprendo, tra le altre, strutture nascoste sotto la sabbia del deserto. Grazie al lavoro di Elachi, il Jpl e la Nasa sono leader mondiali nel rilevamento radar.

Ha rifondato il programma dell’esplorazione di Marte che ha portato sul pianeta rosso due “rover geologi” e diverse sonde.

Elachi è capo del gruppo scientifico che sta esplorando con potenti radar Saturno e le sue lune. Lo strumento della sonda Cassini costruita in Italia, sta svelando dune, laghi e mari di metano su Titano, la più grande delle oltre 60 lune del pianeta degli anelli.

E’ autore di 230 pubblicazioni nel settore della rilevazione a distanza tramite radar, nel 2006 è stato indicato come uno dei Best American Leaders, i migliori leader americani, selezionati dalla Kennedy school of Government e dalla Harvard University.

Il prof. Elachi ha annunciato che nel mese di novembre di quest’anno verrà lanciato nello spazio un nuovo esploratore tecnologico, il ” Curiosity”, il rover , lo strumento più grande e complesso mai lanciato verso Marte.

Come si potrebbe definire in parole povere questo scienziato se non “Un pozzo di Scienza”!

Ho trovato questo importante Convegno a cui sono stato onorato di partecipare un altro grande evento che sta ponendo Torino su livelli mondiali e degna rappresentante italiana mentre la data del 2 maggio non è stata scelta a caso ma nella ricorrenza della morte di Leonardo da Vinci, il più grande artista, scienziato e pittore, grande uomo di impegno e talento del Rinascimento Italiano, morto ad Amboise il 2 maggio 1519.

 

Aggiungi commento

Sponsor

 

 

 

Valid CSS! [Valid RSS]

Licenza Creative Commons
Questo opera è distribuito con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.