Italian English French German Portuguese Spanish

Le nostre "RUBRICHE" sono on-line! Registratevi per accedere alle aeree private.
News Ottobre 2017 Pordenone: sottufficiale foggiano salva un bambino a rischio di soffocamento
Back to Top

Pordenone: sottufficiale foggiano salva un bambino a rischio di soffocamento

(4 voti, media 5.00 di 5)
Valutazione attuale: / 4
ScarsoOttimo 
News - Ottobre 2017
Share Link: Share Link: Google Facebook Myspace Ask Yahoo Bookmarks

Il bambino rischiava di soffocare per una caramella: salvato

Ha cominciato ad urlare perché il figlio non riusciva a respirare, a battere le mani dietro la schiena con la speranza che il bambino tirasse fuori la caramella che non era riuscito a masticare e quindi ad ingoiare. Ci ha provato senza riuscirsi, tra il panico generale e lo sguardo attonito dei presenti per la tragedia che si stava consumando. Siamo a Pordenone ed è un venerdì mattina, una signora è all’interno della banca con il figlio e attende il suo turno. Quando però si reca allo sportello, il bambino – seduto alle sue spalle - afferra e scarta una caramella, non riesce però a masticarla e la ingoia. Purtroppo per lui, gli va di traverso, il respiro diventa sempre più complicato, i secondi passano e la situazione peggiora. L’intervento della madre non basta, anzi, forse peggiora le cose. Per fortuna, in quella banca, un uomo si accorge che qualcosa non va, si avvicina alla donna visibilmente sotto shock, e capisce che la situazione le sta sfuggendo di mano. In maniera quasi istintiva, afferra il corpo del piccolo e applica la manovra di Heimlich. L’intervento risulterà decisivo. Il bambino è fuori pericolo ma non crede ai suoi occhi, tant’è che continua a sostenere di avere ancora la caramella in gola. E’ solo una sensazione. Alberto Mario Laccetti (nella foto), da sette anni sottufficiale del 32esimo reggimento Carri della ‘Brigata Ariete’, nato e vissuto a Foggia, lo tranquillizza: “Ehi va tutto bene, la caramella non c’è più”. E’ tutto finito, il malcapitato beve un bicchiere d’acqua mentre la madre tira un sospiro di sollievo e abbraccia l’angelo venuto da Foggia. Prima di lasciare l’istituto di credito, si rivolge alla sua creatura: “Ringrazia quest’uomo perché ti ha salvato la vita”. Un’emozione forte, intensa, quella provata da Alberto Mario: “E’ stata una cosa istintiva, in quel momento sai che ti assumi una responsabilità forte”. Quel bambino deve la vita al sottufficiale di Foggia, che con freddezza e prontezza di spirito, ha scongiurato una vera e propria tragedia. In quella banca c’era un eroe silenzioso, uno di quelli che ti auguri di incontrare e di incrociare quando qualcosa non va: si chiama Alberto Mario Laccetti, segni particolari, foggiano, con molti amici anche a Troia.

FOGGIATODAY

www.foggiatoday.it

 

Aggiungi commento

Sponsor

 

 

 

Valid CSS! [Valid RSS]

Licenza Creative Commons
Questo opera è distribuito con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.