Italian English French German Portuguese Spanish

Rubriche Dai Monti Dauni Premio per la non violenza a Bernice King, figlia di Martin Luther King

Premio per la non violenza a Bernice King, figlia di Martin Luther King

Share Link: Share Link: Google Facebook Myspace Ask Yahoo Bookmarks

Cerimonia di consegna il 10 marzo 2018 a Monteleone di Puglia

La cerimonia sarà teletrasmessa dalla RAI e dalle emittenti locali

(Allegato a questo articolo il programma scaricabile in formato Pdf)

Le duecento donne contadine di Monteleone di Puglia, arrestate e processate il 23 agosto 1942 per essersi ribellate alla violenza della Seconda Guerra mondiale, non avrebbero mai immaginato un giorno di poter essere ricordate ed omaggiate da qualcuno molto vicino al leader della lotta per i diritti civili, Martin Luther King Jr. A distanza di tanti anni, però, sarà finalmente possibile rendere loro il giusto riconoscimento con la presenza a Monteleone di Bernice Albertine King – figlia di Martin L. King – ospite del piccolo borgo daunio per ricevere il “Premio di donna impegnata per la Nonviolenza e la Pace”. La King, prima di giungere sui Monti Dauni, ha fatto tappa a Roma lunedì 5 febbraio per una conferenza stampa, cui hanno partecipato anche Sindaco e Vicesindaco di Monteleone, in occasione del 50° anniversario dell’assassinio del Reverendo Martin Luther King Jr e del 70° anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani. L’arrivo di Bernice Albertine King a Monteleone costituisce la consacrazione di un percorso avviato dal 2015 che ha portato alla nascita del “Centro Internazionale per la Nonviolenza Mahatma Gandhi”, osservatorio sui conflitti e polo didattico di ricerca e di educazione alla pace. Non solo. Dal 2016 il sindaco di Monteleone, Giovanni Campese, e l’amministrazione tutta hanno istituito per l’8 Marzo il Premio internazionale per le donne impegnate contro la guerra, in memoria delle duecento contadine morte per la non violenza. Ma il coraggio le donne di Monteleone l’hanno nel sangue. La loro audacia, fede e devozione hanno contrassegnato anche il XVI secolo, quando, per la diffusione della Riforma protestante, nel 1563 la popolazione subì una forte azione repressiva con arresti e deportazioni. In quest’occasione, l’inquisitore padre Rodriguez non mancò di comunicare nelle sue lettere a papa Ghisleri (Pio V) quanto le donne del paese fossero irriducibili nella loro fede: da allora, la popolazione di Monteleone è passata alla storia per il coraggio delle sue “donne ostinate”. Ben si colloca, in questo contesto, l’arrivo di Bernice King. La manifestazione del 10 marzo 2018 avrà una triplice finalità: rafforzare l’intesa delle donne per il cambiamento sociale contro il razzismo, l’ingiustizia, la guerra; favorire l’intesa mondiale per la messa al bando delle armi atomiche; rafforzare la presenza e la funzione educativa del “Centro Internazionale per la Nonviolenza Mahatma Gandhi”. Il convegno del 10 Marzo, patrocinato da UNESCO, Parlamento Europeo, Regione Puglia, Provincia di Foggia, con il sostegno del CIDU – Comitato Interministeriale per i Diritti Umani Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, prevede la compresenza e collaborazione dell’amministrazione e delle scuole dell’Istituto comprensivo di Accadia-Anzano-Monteleone e Sant’Agata di P., attive nella realizzazione di un progetto UNESCO per la costituzione di un Centro di educazione alla pace, con la finalità di studiare e promuovere la cultura della nonviolenza nella gestione dei conflitti interpersonali, sociali e internazionali.

Questo articolo è stato pubblicato sul cartaceo di febbraio 2018 di Aria di Troia

Cenni biografici su Bernice King

Bernice Albertine King (nata il 28 marzo 1963) è la figlia più giovane dei leader dei diritti civili Martin Luther King Jr.Coretta Scott King. Aveva cinque anni quando suo padre fu assassinato. A 17 anni fu invitata a parlare alle Nazioni Unite. Venti anni dopo che suo padre fu assassinato, predicò il suo primo sermone. Ispirata dall'attivismo dei suoi genitori, fu arrestata più volte durante la sua prima età adulta. Sua madre Coretta, a causa di un ictus, nel 2005 venne a mancare nel gennaio 2006, King ha pronunciato l'elogio funebre al suo funerale. Bernice è stata eletta presidente della Southern Christian Leadership Conference nel 2009. Suo fratello maggiore Martin Luther King III e suo padre avevano precedentemente ricoperto questa carica. È stata la prima donna eletta alla presidenza nella storia dell'organizzazione. Divenne amministratore delegato del King Center solo pochi mesi dopo. Il principale obiettivo di King come CEO di The King Center e nella vita è assicurare che la filosofia e la metodologia nonviolenta di suo padre (che The King Center chiama Nonviolence 365) sia integrata in varie rami della società, tra cui istruzione, governo, economia, media, arte e intrattenimento e sport. King crede che Nonviolence 365 sia la risposta ai problemi della società e la promuova come uno stile di vita. Bernice è anche l'amministratore delegato di First Kingdom Management, una società di consulenza cristiana con sede ad Atlanta, in Georgia.

Per scaricare il programma cliccare sul box sottostante

Allegati:
FileDimensione del FileDownloads
Scarica questo file (Programma consegna premio a Bernice King.pdf)Programma cerimonia consegna premio a Bernice King84 Kb128
 

 

 

Valid CSS! [Valid RSS]

Licenza Creative Commons
Questo opera è distribuito con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.